Combattere la stitichezza con l’alimentazione

Sono davvero in tanti a soffrire di questo disturbo, la stitichezza, sebbene alcuni recenti studi hanno evidenziato che ad essere colpite sono soprattutto le donne. Niente panico! La stitichezza e quel fastidiosissimo senso di gonfiore che provate ogni mattina al risveglio, ha davvero le ore contate.

Parola di Mayr, una dieta realizzata da un noto gastroenterologo, che parte dall’idea secondo la quale la formula segreta per star bene e vivere sani, risiede nel perfetto funzionamento del processo digestivo.

Se digeriamo bene ed entro i tempi giusti, allora tutto il nostro organismo ne trarrà vantaggio. La dieta qui proposta va seguita per un intera settimana e serve a facilitare l’eliminazione delle scorie dall’intestino, oltre all’eliminazione dei piccoli fastidi a cui abbiamo accennato prima.

Dieta per eliminare la stitichezza

Ma in che cosa consiste concretamente questa dieta? A colazione si consiglia di bere solamente un tè con qualche
goccia di limone spremuto. Dite addio quindi a merendine varie o a un bel caffè come previsto dalla tradizione. A pranzo una fetta di pane da 80 grammi, un brodo vegetale ben caldo o una zuppa d’avena, un uovo alla coque o uno yogurt, e un bicchierone di latte intero.

Nel pomeriggio tardi, se siete colpiti da attacchi di fame, potreste decidere di azzittirli mangiucchiando un frutto a scelta. E per finire la giornata in bellezza, per cena si prevede 80 grammi di pasta o riso in bianco, accompagnati da una tisana o un succo di frutta.

Ovviamente a questo tipo di alimentazione va sempre associata tanta acqua: è necessario bere quasi 2 litri al giorno di acqua se vogliamo purificare al meglio il nostro intestino. Se soffrite però di stitichezza cronica, vi consigliamo vivamente di consultare il vostro medico di famiglia. Solo lui conosce la vostra storia clinica e potrà consigliarvi al meglio.

Tuttavia noi qui ne approfittiamo per ricordarvi alcuni cibi ricchi di fibre e che certamente potranno alleviare i vostri fastidi: avena o cereali in generale, brodo di carne, carciofi, crusca, semi di lino, prugne secche, kiwi , carote, fichi secchi, uvetta, peperoni, legumi freschi e secchi e finocchi. Cercate di averne sempre una scorta a casa…sono un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza!

Ma non esagerate…gli esperti affermano che a volte un assunzione elevata di fibre può provocare l’effetto contrario. Non tutti sanno poi che anche bere un bicchiere d’acqua tiepida appena svegli può stimolare l’attività intestinale. Quindi, se vi è possibile, cercate di adottare questa buona abitudine al mattino.

Il Kefir per combattere la stitichezza

Uno degli alimenti migliori contro la stitichezza è il kefir, che non è altro che latte fermentato. Il kefir può considerarsi un alimento completo in quanto ricco di vitamine (vitamine del gruppo B, vitamina K, fosforo, e zinco) e sali minerali ed è di origine caucasica. La sua consistenza è simile a quella di uno yogurt ed il suo sapore è molto acidulo. Prepararlo è molto semplice: basta procurarsi i fermenti (ci sono alcuni gruppi facebook dove li donano in maniera assolutamente gratuita), immergerli nel latte intero, seguendo delle proporzioni ben precise, far passare 24 ore e poi filtrare. Il Kefir, in questo modo, è pronto per essere consumato aggiungendo, se si vuole, della frutta fresca o dei cereali.

Questo latte fermentato è di grande aiuto per ripristinare la flora batterica ed è risolutivo in tutti i casi di stitichezza, anche quelli più ostinati e difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *